eScommesse scommesse sportive , casinò & poker online » Generale » Gioco d’azzardo : legislazione, pericoli, licenze AAMS
1 Share Share Tweet Share

Gioco d’azzardo : legislazione, pericoli, licenze AAMS

quote e probabilità nel pokerIn questo articolo vedremo e metteremo a confronto, con le varie differenze, peculiarità e lacune le varie legislazioni nazionali relative al gioco d’azzardo online tra Europa e paesi come Canada e USA.

In quasi tutti gli Stati Europei i giochi online sono regolamentati da leggi specifiche.

E’ compito dei giocatori, con l’aiuto dei portali e degli operatori, prendere conoscenza delle autorizzazioni e dei regolamenti in vigore nel 2017 nei diversi paesi.

In quest’articolo cerchiamo di fare chiarezza sulle legislazioni europee e estere.

Ecco tutti i paesi presi in considerazione:

La normativa generale in Italia

In Italia la principale novità è rappresentata dal fatto che i casinò online sono stati finalmente legalizzati tramite la concessione di una licenza AAMS, con una precisa normativa che ne regolamenta anche le puntate con soldi reali. Dal 2012, quindi, anche sui casinò online italiani è possibile accedere alle scommesse cash game che vanno ad affiancare i giochi dove le puntate, invece, sono con soldi virtuali e si vincono premi non monetari.

Un’apertura dettata dall’evoluzione del settore delle scommesse online che presenta enormi vantaggi per gli scommettitori italiani che non saranno più costretti a recarsi su casinò online esteri ma potranno giocare comodamente nei siti italiani certificati AAMS.

Inoltre sempre nel 2012, con la manovra Monti è stata introdotta una tassazione sulle vincite, sia per le lotterie di Stato anche le vincite online. In particolare questa tassa prevede per le vincite superiori ai 500 euro una tassazione pari al 6%.

Questa manovra va a colpire i Gratta e Vinci, il Superenalotto, il Superstar, il Win for Life e le video lotterie. Il prelievo viene applicato su tutte le vincite a partire da quelle incassate dal 1 gennaio 2012 anche se si riferiscono ad un periodo precedente. Sono escluse dalla tassazione invece la Lotteria Italia, il poker, il bingo e slot machine.

Inoltre, a partire dal 7 giugno 2012 gli operatori possono cominciare a fare domanda per ottenere le licenze riguardanti le slot machines online.

Il gioco d'azzardo in Europa: una panoramica generale

Alcuni giochi sono esclusi dalla legislazione nei seguenti paesi europei:

  • Lussemburgo: le scommesse sportive e i giochi concorso;
  • Belgio: i giochi di carte al di fuori dei casinò e i giochi organizzati al di fuori di saloni o kermesse;
  • Francia, Finlandia, Lussemburgo e Svezia: i giochi concorso commerciali.

In molti Stati, Italia compresa, è in vigore un monopolio di Stato sui giochi di fortuna. In altri paesi gli operatori di lotterie beneficiano di una licenza o hanno un vero e proprio monopolio che permette di gestire l’intero network. In paesi come la Francia, ci sono giochi specifici come le scommesse ippiche, la cui licenza viene concessa solo ad operatori in particolare, come il PMU, l'equivalente della SNAI in Italia, uno dei portali più prestigiosi per fare scommesse ippiche.

Le licenze si pongono l'obiettivo di limitare la concorrenza e spesso si rivelano dei veri e propri monopoli spesso gestiti dallo stesso Stato. In Danimarca, Estonia, Finlandia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Svezia le lotterie possono essere organizzate solamente da organizzazioni umanitarie.

Inoltre un caso particolare riguarda Svizzera dove risulta essere illegale giocare online con denaro reale. Per saperne di più leggi qui la nostra recensione con gli ultimi aggiornamenti.

Legislazione Francese

Secondo la nuova normativa entrata in vigore nel 2010:

  1. Sono autorizzati solo gli operatori che hanno una licenza dell’ARJEL (organo equivalente alla nostra AAMS)
  2. La licenza comprende poker, scommesse sportive e ippiche
  3. Il casino é vietato
  4. Il monopolio sui gratta e vinci è in mano al FDJ
  5. PMU perde il monopolio online sulle scommesse ippiche
  6. Poker live deve essere regolamentato

Gambling in UK e Regno Unito

La legislazione sui giochi più debole d’Europa è detenuta dal paese che rappresenta per eccellenza il gioco d'azzardo.

Tutti i cittadini possono giocare dove vogliono. Solo i siti non europei devono ottenere un'apposita licenza dalla Gambling Commission, l'equivalente britannico dell'AAMS, e rispettare un codice di condotta responsabile. Tutti gli operatori offline devono ottenere una licenza.

Quello del Regno Unito è sicuramente un mercato molto competitivo e per questo molti siti hanno iniziato ad offrire interessanti bonus di benvenuto per chi effettua la prima registrazione attivabili con particolari codici promo, come quello per giocare a poker con il codice di William Hill valido per tutti i servizi disponibili.

Legislazione tedesca

In Germania, secondo la legislazione vigente, è vietato scommettere, a seguito dell'entrata in vigore di un atto del 2008 firmato dai 16 land tedeschi. Sono esonerati da questa legislazione i giochi di piattaforme come Zynga, in quanto questi sono pensati come freemium e non con vincite in denaro. Questo decreto, per quanto duro per gli appassionati del gambling, vuole contrastare il pericoloso fenomeno della dipendenza dal gioco d'azzardo.

Nel 2011 è stato creato un progetto di legge per attribuire 20 licenze ad operatori privati ma fino ad ora é stato bloccato in quanto il numero 20 non poggia su alcun fondamento giuridico.

Il gioco d'azzardo oltreoceano: le normative in USA e Canada

Nella patria di Las Vegas e Atlantic City, città per eccellenza del gioco d'azzardo, i casinò sono autorizzati dall'inizio del Novecento.

Dal 2006 la legge Unlawful Internet Gambling Enforcement Act vieta le transazioni bancarie verso i siti di giochi d’azzardo online. Questa normativa però non menziona il poker; per questo motivo Pokerstars, Party Poker e FulltiltPoker propongono il poker online ai giocatori americani con grande successo. Sono presenti anche molti casino online, con milioni di giocatori, anche se apertamente in contrasto con la legge vigente.

La legislazione canadese del 1970 prevede che ogni provincia possa gestire autonomamente il proprio giro di giochi d'affari.Questo ha portato alla creazione di numerosi casinò fisici (offline) e un’accesa diatriba con la legislazione nazionale. Nel paese sono molto popolari le poker room online.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Scrivi un commento

1
Share
Share Tweet Share

Giocare può causare dipendenza patologica - É vietato il gioco ai minori di anni 18.
Ricorda di controllare le leggi in vigore nel tuo paese di residenza prima di registrarti.
Copyright Scommesse Online © 2004-2017