eScommesse scommesse sportive , casinò & poker online » Poker » I punti nel poker
0 Share Share Tweet Share

I punti nel poker

punti nel pokerNel poker le varie combinazioni di carte possono dare vita ad una serie definita di punti. Questi punti sono fissi e stabiliti aprioristicamente, nonostante questo essendo il poker un gioco d’azzardo unico nel suo genere, la realizzazione del punteggio massimo non dà automaticamente la certezza della vittoria, il motivo lo vedremo nel dettaglio.

I punti nel poker texas hold'em

Il punto minimo realizzabile nel corso della partita è “la carta più alta”, il punteggio massimo invece è la scala reale quando tutte e cinque le carte sono dello stesso seme ed in scala. I punti si confrontano fra tutti i giocatori partecipanti alla mano, chi ha realizzato il punto più alto può prendersi il piatto. Esiste la possibilità di parità nel punto realizzato fra due giocatori, ad esempio due giocatori realizzano entrambi una doppia – coppia (vedi sotto), in questo caso si applicano la seguente regole per stabilire il vincitore:
in caso di parità nel punteggio si confronta il seme delle carte, il seme più alto è quello dei cuori, a seguire quadri, fiori, picche. Quindi il giocatore che ha fra le sue carte i “semi migliori”, risulterà il vincente.

E’ importante fare una precisazione, la regola del “seme migliore” riportata qui sopra, è tipica di una variante Italiana del poker, in altre varianti può non essere presente, sostituita o integrata ad altre regole specifiche, per questo motivo è opportuno stabilire con esattezza la versione di gioco usata per la partita. Ricordandosi che fra i vari tipi di poker possono esserci regole differenti da tenere a mente.

Come calcolare i punti nel poker dal più basso al più alto

La gamma dei punti realizzabili è la seguente:

  1. Carta più alta (la carta dal valore più elevato)
  2. Coppia (due carte dello stesso valore)
  3. Doppia coppia (due coppie di carte dello stesso valore)
  4. Tris (tre carte dello stesso valore)
  5. Scala (una sequenza di carte in ordine di valore).La scala può essere minima, media o massima. La differenza sta nel valore di partenza iniziale della scala, l’asso può essere inserito anche nella scala prima del valore più basso (il valore più basso in gioco dipende dal numero dei giocatori), oltre il K. Nel primo caso avremo una scala minima, nel secondo una scala massima
  6. Full (un tris ed una coppia)
  7. Colore (tutte le carte dello stesso seme). In caso di parità di punteggio, vince sempre il seme migliore
  8. Poker (quattro carte dello stesso valore)
  9. Scala Reale (le carte sono si in scala, ma sono tutte dello stesso seme)

Un'altra particolarità del poker, è stata accennata all’inizio, in caso di presenza di più scale reali nella stessa mano, si andrà a vedere il valore della scala, ed il confronto avverrà secondo una regola ben specifica:

La scala minima (vedi sopra) è superiore alla massima, la media è superiore alla minima e la massima è superiore alla media.
In questo modo non c’è mai certezza assoluta nel punto, e tutte le partite possono essere giocate al massimo.


Dario Alioto spiega i punti nel poker. E se volete saperne di più leggete anche l'interessante articolo sull'apertura nel poker uno dei momenti cardine del gioco.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (10 votes cast)
I punti nel poker, 5.0 out of 5 based on 10 ratings

Scrivi un commento

0
Share
Share Tweet Share

Giocare può causare dipendenza patologica - É vietato il gioco ai minori di anni 18.
Ricorda di controllare le leggi in vigore nel tuo paese di residenza prima di registrarti.
Copyright Scommesse Online © 2004-2017

+18Gioca Responsabilmente

https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it

Better Collective A/S - Indirizzo: Toldbodgade 12 - 1253 Copenhagen K - Denmark - Phone: +45 29 91 99 65