eScommesse scommesse sportive , casinò & poker online » Poker » Texas Hold’em : gli avversari
0 Share Share Tweet Share

Texas Hold’em : gli avversari

Vorrei iniziare questa nuova guida veloce al Texas Hold‘Em con una citazione presa da colui che probabilmente è stato il miglior giocatore mondiale nonché il massimo teorico del Poker: David Sklansky.

Ogni volta che giochi una mano in modo diverso da come l'avresti giocata se avessi conosciuto le carte di tutti gli avversari, commetti un errore e il tuo rendimento cala a favore di quello dei tuoi avversari. Lo stesso avviene anche per i tuoi avversari, ogni volta che giocano una mano in modo diverso da come l'avrebbero giocata conoscendo le carte di tutti i giocatori, commettono un errore e il loro rendimento cala a favore del tuo

Ogni buon giocatore conosce e soprattutto osserva le parole sopra citate, il così detto “Teorema fondamentale del Poker”.

Ricordiamoci bene che se siamo seduti ad un tavolo da Poker non siamo soli. Imparare a conoscere i propri avversari è assolutamente fondamentale, sia che ci si trovi in uno sfavillante Casino sia che ci si diverta a giocare ad un torneo di poker online comodamente seduti sulla poltrona di casa nostra. Anche il poker, così come qualsiasi attività che preveda il confronto con altri individui segue una sua etichetta che è opportuno rispettare: ogni stravaganza è tollerata se non addirittura prassi, ma il rispetto degli avversari e il rispetto del loro gioco sono obbligatori. Ad esempio, giunti al momento dello show down, a meno che non ci sia richiesto, non è molto gentile mostrare un bluff ad un avversario che ha appena perso. Meglio risolvere il tutto con un sorriso equivocabile!

Come si impara a studiare i nostri avversari? La risposta più corretta non può che essere: con Il tempo e la pratica.

Alcuni utili accorgimenti però ci potranno dare un piccolo supporto già nell’immediato.

Mai distrarsi, è vietata qualunque disattenzione anche se in un determinato momento il gioco non ci coinvolge direttamente. Osservando il modo in cui un giocatore rilancia, vede le mani, bluffa e di conseguenza conduce la sua partita, ci fornirà una quantità significativa di informazioni utili al nostro gioco.

Categorie di avversari e i loro comportamenti

A questo proposito è utile ricordare che le tipologie di player riscontrabili sono sostanzialmente 3:

Loose

È il classico giocatore mediamente aggressivo che tende a vedere la maggior parte dei piatti a prescindere che la sua mano sia buona o meno. Lo definiremmo come un giocatore molto speranzoso pertanto. Fondamentalmente la maggior parte dei neofiti tende a inserirsi in questo profilo. La tattica migliore da adottare con un Loose è l’attesa. Attendiamo di avere una mano davvero soddisfacente, stuzzichiamo il suo appetito e sferriamo il nostro attacco vincente. Attenzione però, la difficoltà nello stabilire con buona probabilità la mano del nostro avversario Loose lo rende anche molto pericoloso.

Animal

Giocatore eccessivamente aggressivo e instabile che punta e rilancia continuamente già dal buoio. Fa frequente uso del bluff e tenderà a far alzare sempre il piatto. L’ all in è prerogativa sua quantomeno nell’ 70% dei casi in cui ci sia un all in al nostro tavolo. Ancora una volta la strategia migliore è quella dell’attesa. Magari sarà proprio un all in a farlo capitolare

.
.

Tight

Nella stragrande maggioranza dei casi il giocatore tight è un buon giocatore, quello che sa quando giocare e quando è il caso che la partita la facciano gli avversari. Piuttosto conservativo tende ad accumulare il suo monte fiches senza puntate clamorose ed evitando il più possibile di ricorrere a bluff. Il suo punto è quasi sempre il più alto nel caso entri nel vivo della mano. Questa tipologia di gioco è quella che mi sentirei di consigliare a tutti i neofiti. L’unico modo per decifrare il suo gioco è l’attenzione estrema. Generalmente difatti il giocatore tight tende a diventare prevedibile nello schema delle puntate. Un numero sufficiente di mani dovrebbe poterci dire molto su di lui.

Fatto questo breve riassunto basato sulla tipologia di approccio al gioco, ci rimane da considerare un’ultima tecnica che ci permette di conoscere i nostri opponenti: L’osservazione dei loro comportamenti extra gioco.

Tic, abitudini, vezzi, gestualità particolari, sono quasi sempre lo specchio riflettente di una emotività che traspare dalle carte ricevute. Non è un caso i migliori pro riescono ad essere di ghiaccio in tutte le situazioni e, nel caso in cui proprio non ne fossero del tutto capaci, alcuni piccoli accorgimenti come i-pod, cappellini, sciarpe e occhiali da sole, camuffano in buona parte queste lacune.

Ovviamente l’osservazione fisica dell’avversario non è possibile nel caso un cui si stia giocando online. Dovremo per forza affidarci allo studio del gioco nel suo svolgersi e soprattutto utilizzare pazienza, pazienza e ancora pazienza.



Filippo Candio studia i filmati degli avversari in previsione del WSOP

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (3 votes cast)
Texas Hold'em : gli avversari, 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Scrivi un commento

0
Share
Share Tweet Share

Giocare può causare dipendenza patologica - É vietato il gioco ai minori di anni 18.
Ricorda di controllare le leggi in vigore nel tuo paese di residenza prima di registrarti.
Copyright Scommesse Online © 2004-2017

+18Gioca Responsabilmente

https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it

Better Collective A/S - Indirizzo: Toldbodgade 12 - 1253 Copenhagen K - Denmark - Phone: +45 29 91 99 65